itnlenfrdejarues

 

Impronta con Scanner (Scanner intraorali in odontoiatria digitale | Dental | 3M )

Un esempio sono sicuramente i microscopi ed i LASER, presenti insieme alla radiologia digitale in ogni suite operativa.

In quest’ottica è decisamente benvenuto il nuovissimo Scanner Endorale 3M True Definition Scanner. Infatti la tecnologia sta creando attrezzature sempre più moderne ed efficaci permettendo agli odontoiatri di fornire un servizio sempre migliore e con meno disagio per il paziente. Grazie allo Scanner Intraorale si può in molti casi infatti dire addio alle lunghe e odiate impronte dentali, necessarie per la creazione di corone e ponti in ceramica o di mascherine Invisalign.

Ora in pochi minuti e senza disagio, con una comoda “penna” digitale, sarà possibile ricostruire in modo digitale la bocca del paziente trasmettendo senza distorsioni e passaggi, quasi in tempo reale, il materiale al laboratorio odontotecnico che potrà quindi iniziare a costruire il vostro perfetto manufatto in ceramica.



Che cos'è lo scanner intraorale digitale?

La digitalizzazione delle procedure odontoiatriche ha portato negli ultimi anni alla creazione di uno scanner intraorale che i professionisti qualificati e aggiornati utilizzano traendo vantaggio dallo sviluppo in 3D della situazione effettiva del paziente.
Grazie ai nuovi software ed hardware studiati appositamente per l’odontoiatria ed ortodonzia ed utilizzati dallo Studio dentistico del dott. Simone Stori, si ha la possibilità di aumentare la precisione di intervento sul paziente limitando i disagi.
Il dentista che effettua uno scanner intraorale trasferisce l'immagine sul pc con i programmi CAD/CAM che permettono una ricostruzione in 3D del cavo orale del paziente ed in particolare è estremamente utile per la protesi fissa estetica.

Infatti in questo modo viene rilevata l’impronta digitale che è inviata in tempo reale ai tecnici velocizzando i passaggi e migliorando la precisione di corone e ponti.

Inoltre sulla ricostruzione virtuale il medico può intervenire progettando e provando gli interventi da effettuare, in questo modo ha una visione completa della situazione pre intervento e post intervento tale da consentirgli di correggere eventuali errori a cui andrebbe incontro utilizzando altri metodi meno precisi.

Quali vantaggi presenta l'impronta digitale?

Lo scanner intraorale utilizzato dallo Studio dentistico del dott. Simone Stori, non procura dolore al paziente ma anzi, gli evita il fastidio della pasta modellante che viene introdotta per avere l'impronta delle arcate dentali su cui lavorare ed ha bisogno di tempi di attesa per la solidificazione. Sempre più persone hanno dei traumi legati alle impronte dentarie, che a volte devono rimanere in bocca fino a 6 minuti creando disagio e senso di vomito.

Questa nuova tecnologia digitale permette inoltre al medico dentista di accorciare i tempi di elaborazione e realizzazione delle cure dentistiche e sostituzioni dentali. Inoltre consente di individuare con precisione il posizionamento dei denti non allineati in modo da permettere la realizzazione di dispositivi di allineamento dentale creati appositamente per il paziente con una precisione assoluta. In questo modo si otterranno risultati ottimali e con una maggiore precisione di azione.
Alla luce di tali osservazioni si può affermare che in un iter restaurativo e protesico a conduzione digitale si osserva un notevole vantaggio a livello di progettazione che viene notevolmente semplificata, si ottengono dei tempi di cura ridotti alla poltrona e le comunicazioni tra dentista e laboratorio viene resa più semplice e veloce. Inoltre si può dire che lo scanner intraorale digitale permette di effettuare interventi più sicuri anche a livello di privacy dei dati salvati, in quanto il modello rilevato dallo scanner viene salvato e non rischia di essere danneggiato ne ha necessità di un sito di stoccaggio con conseguente diminuzione del pericolo di dispersione e di danneggiamento nel tempo.

Qual'è la differenza tra lo l'impronta con scanner e quella classica?

L'utilizzo di elastomeri per la creazione di un'impronta delle arcate dentali del paziente richiede tempo, fino ad oltre 6 minuti. Il questo periodo il paziente è costretto a restare immobile sulla poltrona tenendo in bocca un'apposita pasta che viene applicata dal dentista sui denti e deve solidificare per ottenere l'impronta dentale. Il fastidio di avere del materiale in bocca non è proprio piacevole per il paziente e il tempo di attesa può risultare lungo con un sapore non proprio gradito dalle persone. A volte porta anche ad un importante senso del vomito.
Fino ad oggi questo è stato l'unico metodo a disposizione dei dentisti che ne hanno fatto un buon uso, con l'avvento delle nuove tecnologie si hanno però, dei notevoli vantaggi.
Lo Studio dentistico del dott. Simone Stori ha infatti preferito utilizzare un metodo all'avanguardia per la rilevazione dell'impronta dentale: lo scanner intraorale digitale.
La differenza sta nel minor fastidio causato al paziente in quanto si evitano i tempi di attesa e l'introduzione di pasta nel cavo orale. Lo scanner offre inoltre una maggiore precisione nella rilevazione dell'impronta che può essere elaborata in modo digitale rapidamente senza attese da parte del paziente. Infatti il passaggio tra impronta, trasferimento al laboratorio e creazione del modello in gesso porta ad un aumento del rischio di imprecisioni e distorsioni.

Stesso discorso vale ad esempio per l’ortodonzia invisibile Invisalign, in cui la scansione viene inviata direttamente negli USA per la creazione precisa e rapida delle mascherine di allineamento.
Diversi studi hanno valutato l'utilizzo dello scanner in maniera positiva evidenziando la possibilità di realizzare corone in ceramica con più precisione del metodo classico.
Si deduce quindi che l'utilizzo della nuova tecnologia riguardo alla presa di impronte dentali risulti essere un notevole vantaggio per il paziente ed una garanzia di professionalità. Il continuo aggiornamento del dentista che utilizza gli scanner intraorali in odontoiatria digitale, dimostra di essere al passo con i tempi e di seguire le innovazioni utilizzando le attrezzature all'avanguardia che il progresso propone per migliorare il servizio offerto ai propri pazienti.