itnlenfrdejarues

 

Come insegnare al proprio bambino a lavarsi i denti

Come insegnare al proprio bambino a lavarsi i denti

Come è noto, infatti, prendersi cura della propria igiene orale significa prendersi cura, molto più in generale, della salute complessiva del proprio organismo, cercando di stare alla larga da infiammazioni e attacchi di vario genere alla dentatura ma non solo.

In pochi, ad esempio, sono consapevoli del fatto che problemi di vario genere alla dentatura potrebbero avere ripercussioni pericolose su moltissime altre parti del corpo. Ma vediamo di scendere più nel dettaglio e di capire come fare ad educare i più piccoli a lavarsi i denti in maniera corretta e con la giusta costanza.

Igiene orale e bambini: consigli e suggerimenti utili

Il primo e più importante aspetto di cui tenere conto riguarda il fatto che l’età giusta in cui affidare ai bambini il primo spazzolino si aggira intorno ai 2 anni. Proprio in questo periodo, si ha la possibilità di far giocare i più piccoli, insegnandogli, nello stesso tempo, a prendersi cura della propria igiene orale. Tra le altre cose, iniziare a prendersi cura dei propri denti così da piccoli significa prevenire problemi di vario genere sia a carico dei denti da latte che di quelli cosiddetti definitivi.

Attenzione, però: quando si è alle prese con la scelta dello spazzolino per i bambini bisogna fare moltissime cose. Ad esempio, è fortemente consigliato scegliere un colore divertente e, possibilmente, uno spazzolino che richiami uno dei cartoni animati preferiti dai bambini. In questo modo, il momento del lavaggio potrà davvero trasformarsi in un gioco. Educare i propri figli a lavarsi i denti in maniera corretta è semplicissimo. Volendo, si potrebbe molto semplicemente far vedere loro come fare provando direttamente sui propri denti.

Il buon esempio, poi, è fondamentale. Ciò vuol dire che lavarsi i denti in compagnia del proprio bambino potrebbe essere la soluzione migliore per spingerli a sentire il bisogno di prendersi cura dei propri denti. In questo momento, poi, si dovrà procedere con la spiegazione dei vari passaggi e, soprattutto, dell’importanza di lavarsi i denti in maniera costante.

Ovviamente, è bene non andare alla ricerca di risultati immediati in poco tempo. Al contrario, si dovrà cercare di spiegare tutto con grande calma e attendere che i risultati arrivino da soli.

La tecnica corretta per lavarsi i denti

Quando si è alle prese con l’insegnamento ai più piccoli delle corrette tecniche per lavarsi i denti è bene non dimenticare nulla. La prima e più importante cosa che si dovrà dire loro, ad esempio, consiste nel fatto che lo spazzolino deve essere passato rigorosamente dall’alto verso il basso e, ovviamente, viceversa.

La prima cosa da fare, poi, sarà quella di prendersi cura della facciata superiore per poi passare a quella inferiore. Inoltre, lo spazzolino deve passare anche nella parte interna dell’arcata.

Ogni passaggio deve essere svolto con la massima attenzione in modo tale da evitare la proliferazione dei batteri. Dopo la fase dello spazzolamento, si dovrà procedere con un risciacquo con acqua. In questo modo, i bambini dovrebbero riuscire a prendersi cura dei propri denti in maniera divertente e senza dover fare i conti con rigide regole imposte dai genitori. Un aspetto che non deve mai essere trascurato è, poi, quello della personalizzazione.

Ciò vuol dire che ogni bambino del bagno dovrebbe avere il proprio bicchierino, il proprio spazzolino e un dentifricio personale. Così facendo, avrà la possibilità di sentirsi importante e, soprattutto, di avere la percezione di essere diventato finalmente grande. Una responsabilizzazione, dunque, che deve necessariamente passare attraverso un momento di gioco e divertimento. Questa tecnica è la migliore per riuscire a fare in modo che i bambini riescano in qualche settimana o, al massimo, in qualche mese a lavarsi i denti in maniera autonoma senza che i genitori debbano costantemente ricordarglielo.