itnlenfrdejarues

Rimozioni Cisti e granulomi Dentali

Rimozioni Cisti e granulomi Dentali

Le cisti dentarie: complicanze della necrosi dentale

Le cisti dentarie sono elementi ben circoscritti ed infarciti di siero, muco o di consistenza gassosa. Le cisti prive di capsula sono definite 'pseudocisti' mentre quelle colme di pus rientrano nella categoria degli ascessi dentali. La ciste dentale, solitamente, è una conseguenza della necrosi pulpare provocata da carie profonde ed è molto simile al granuloma. Esistono differenti tipologie di cisti anche se le più comuni vengono catalogate in tre precise categorie:

-Le cisti dentarie paradentarie

-Le cisti dentarie radicolari

-Le cisti dentarie follicolari

Tuttavia, il Medico Chirurgo potrebbe trovarsi al cospetto di cisti dentarie paradentarie, cisti pericoronarie laterali, cisti apicali, cisti interradicolari, cisti primordiali, cisti odontogene cheratinizzanti' e altre numerose tipologie.
Attraverso accurate indagini il Dottor Simone Stori o uno dei suoi fidati collaboratori, analizzerà la tipologia di ciste del paziente nel suo studio Microdent di Bologna e bari
Non sempre è necessaria la rimozione delle cisti ed ogni caso clinico andrà analizzato correttamente.

Le cause ed i sintomi delle ciste dentarie

Come menzionato precedentemente, le cisti dentarie possono essere la conseguenza di una 'pulpite' ossia, il processo infiammatorio che riguarda la polpa dentale.
Tuttavia, le cisti dentarie possono formarsi anche in circostanze diverse e per altri motivi come per un intervento di canalizzazione mal riuscito o per un'estrazione dentale non effettuata correttamente.
Il paziente può lamentare un intenso mal di denti, qualora la ciste dentaria sia di ragguardevoli dimensioni oppure la presenza di vistose tumefazioni sull'area mandibolare/mascellare dove alloggia la cisti.
In alcuni casi, la presenza di una cisti dentale provoca un anomalo rigonfiamento delle gengive, la mobilità dentale e l'alitosi.
Tuttavia, ci sono pazienti che non accusano nessun sintomo e la ciste dentaria viene diagnosticata dopo un semplice controllo e attraverso una radiografia.

Quando rimuovere le cisti dentarie

Il trattamento per la cura o la rimozione delle cisti dentarie va decisa solo dopo una corretta diagnosi da parte del Medico Chirurgo Dentista che deve accertarsi di non trovarsi di fronte a patologie simili, quali il granuloma o un ascesso dentale. Naturalmente, sarà necessario provvedere ad effettuare le indagini del caso per verificare che non si tratti di una neoformazione tumorale.
Lo specialista si premunirà di eseguire una biopsia, poiché bisogna verificare la natura della cisti.

Questa operazione avviene ambulatorialmente con un test diagnostico indolore e poco invasivo, che consiste nel semplice prelievo di un lembo di tessuto che verrà analizzato in laboratorio con un esame istologico.
Con la radiografia panoramica delle arcate dentarie, il Dottor Simone Stori si potrà rendere conto delle dimensioni della ciste per valutare se eliminarla o meno.

Quando il paziente lamenta un forte mal di denti, probabilmente, la ciste ha raggiunto delle dimensioni considerevoli e bisogna eliminarla tempestivamente con un intervento più o meno invasivo, ma indolore.
La rimozione delle cisti dentarie non è standard e solo la radiografia potrà accertare la gravità mentre la biopsia, la natura del contenuto. Naturalmente, non tutte le cisti hanno bisogno di essere rimosse e in qualche caso occorre un semplice drenaggio. L'intervento più indicato per rimuovere le cisti dentarie è l'Apicectomia che elimina gli elementi cistici all'apice radicale.
Quando il caso è particolarmente grave, bisogna ricorrere all'estrazione del dente.

Dopo la rimozione della cisti dentale, il Dottor Simone Stori informa il paziente della possibilità di eventuali forme recidivanti e consiglia dei controlli periodici in cui sono compresi dei richiami radiografici per anticipare eventuali riformazioni.

Oltre 2000 pazienti si affidano a Microdent, esponici il tuo caso e noi faremo di tutto per offrirti la soluzione migliore.