Endodonzia minimamente invasiva

Dente da devitalizzare? Dolore al caldo, freddo e masticazione? Il dente pulsa e non riesci a dormire? C’è un dente devitalizzato che fa male? Necessità di un ritrattamento endodontico?

In questi casi la branca dell’odontoiatria che può venire in aiuto è l’endodonzia (cioè la scienza che si occupa dell’interno del dente), che in molti casi permette di risolvere i problemi e i dolori con le “devitalizzazioni” o terapie canalari. Va subito detto che nonostante sia sempre un dispiacere dover devitalizzare un dente, la procedura se ben eseguita può portare a salvaguardare il dente anche nel lunghissimo periodo, soprattutto se viene poi salvaguardato e protetto da una corona o capsula per non farlo rompere.

Prima di parlare della tecnica vediamo un attimo quali possono essere i sintomi a cui fare attenzione e che potrebbero rivelare un problema “endodontico” - diagnosi ovviamente da confermare con una visita dello specialista:

  • Dolore molto forte a caldo e freddo;
  • Dolore alla masticazione;
  • Sensazione di “dente più lungo”;
  • Dolore pulsante e continuo;
  • Dolore che aumenta di notte.

Qualora confermata la diagnosi, solitamente tramite test di vitalità (al caldo e al freddo) e/o indagini radiologiche in cui si evidenzia il “granuloma” (ossia un’area radiotrasparente sulla punta del dente), potrebbe essere necessaria la devitalizzazione o, qualora già devitalizzato e dolorante, un ritrattamento canalare.

Endodonzia

L’utilizzo in questo caso del microscopio e del LASER possono portare ad alcuni vantaggi dell’endodonzia “minimamente invasiva”:

  • Terapie complete (rilevamento di tutti i canali) e poco invasive grazie al microscopio;
  • Maggiore decontaminazione dei batteri dai canali grazie all’uso aggiuntivo del LASER nella fase di disinfezione;
  • Terapie in molti casi più rapide e spesso, qualora ci siano le condizioni, in una seduta unica;
  • In molti casi si limita la perdita di tessuto grazie al microscopio;

Cos’è l’endodonzia?

L’endodonzia è quella branca dell’Odontoiatria che tratta i problemi legati al “nervo” del dente.

Il dente infetto è colpito da carie profonde o traumi che causano sintomi quali la pulpite (dolore fortissimo e continuo ai denti) o segni come i “granulomi”, ossia lesioni nella punta del dente, valutate grazie ad indagini radiografiche.

Con il trattamento endodontico il dente interessato viene “devitalizzato”, risparmiandolo dall’estrazione e dandogli la possibilità, con una corretta ricopertura protettiva con una capsula, di rimanere in bocca per sempre. Con “devitalizzazione” ci si riferisce all’asportazione dei nervi e della polpa del dente, effettivamente cessandone la vitalità.

La procedura viene eseguita in anestesia locale. A volte, purtroppo, se l’infiammazione è molto forte l’anestesia non “fa presa” e può essere utile abbinare a questa la sedazione cosciente con protossido d’azoto.

Il primo passaggio del trattamento, dopo l’anestesia e l’isolamento con la diga di gomma, consiste nel raggiungere la camera pulpare del dente, ossia dove è contenuto il nervo.

Vengono localizzati quindi i canali radicolari (le radici dei denti, alcuni molari ne contengono anche 4 o 5) che sono molto piccoli e il microscopio aiuta enormemente in questa fase. Successivamente tramite strumenti manuali e rotanti e con l’utilizzo di disinfettanti il nervo e il materiale infetto viene rimosso (denervato) fino all’apice del dente (fino alla sua “punta”). In questa fase il LASER aiuta a rimuovere i batteri insieme ai liquidi e agli strumenti ultrasonici, per una decontaminazione più profonda, passaggio fondamentale per una devitalizzazione di successo.

Per la disinfezione si utilizza dell’ipoclorito di sodio al 5%, capace di uccidere i batteri in profondità, e l’EDTA che aiuta a rimuovere le componenti inorganiche nei canali.

Il passaggio successivo è l’otturazione dei canali radicolari, che viene fatta utilizzando dei coni di guttaperca (materiale gommoso simile al caucciù) e cemento appositamente studiato. L’avvenuta chiusura viene valutata con una radiografia, in cui si verifica che il materiale da otturazione giunga esattamente all’apice del dente.

Fino a non molto tempo fa la devitalizzazione del dente richiedeva anche 3 o 4 sedute, con notevole disagio del paziente. Ora nella quasi totalità dei casi il dente viene devitalizzato in una sola seduta, grazie all’innovazione nelle tecniche e all’utilizzo di strumenti e materiali all’avanguardia. Infatti grazie al microscopio operatorio si rende in molti casi più precisa, sicura e veloce la localizzazione dei canali radicolari d il loro trattamento, mentre il LASER ad alta potenza permette di decontaminare meglio l’ambiente trattato, condizione indispensabile per non avere dolori e complicanze nel futuro. È quindi possibile aumentare la percentuale di successo della terapia, comunque già alta con le procedure convenzionali, solitamente oltre l’85%.

La terapia è praticamente indolore durante il trattamento in quanto coperta da anestesia, salvo i casi descritti prima. Talvolta nei primi 2 o 3 giorni successivi può comparire un po’ di dolore, gestibile tranquillamente con antidolorifici.

La durata del trattamento è di 1 ora circa per un dente con una radice (incisivi, canini…) fino anche a 3 ore o più per molari particolarmente complessi con 4/5 canali.

Successivamente alla devitalizzazione, il dente viene ricostruito utilizzando a volte dei perni in fibra di vetro per garantire una maggiore resistenza, e viene rivestito successivamente, a guarigione avvenuta, da una corona in ceramica, per eliminare il rischio di rottura e garantire un risultato duraturo ed esteticamente valido.

A volte il dente già trattato può non guarire e dare fastidio anche dopo la terapia, spesso a distanza di mesi o anni. A volte il dolore è causato dalla masticazione e al caldo, o ancora durante una lastra di controllo si rileva che la presenza di un “granuloma” alla punta del dente, segno che c’è ancora una infezione presente.

In questi casi, dovuti ad esempio a una incompleta detersione, disinfezione e otturazione dei canali oppure a un trauma, il dente può essere ritrattato in maniera non chirurgica. È qui che il microscopio può aiutare in modo importante, soprattutto in presenza di canali non rilevati oppure in caso di strumenti rotti, blocchi nei canali o altre situazioni complesse. Infatti il rischio di effettuare devitalizzazioni senza questi strumenti o in centri non esperti è che l’infezione possa ripresentarsi creando anche dolore e ascessi per via ad esempio di:

  • Non trattamento di alcuni canali perché non rilevati
  • Incompleta disinfezione e chiusura

Il ritrattamento prevede la rimozione del vecchio materiale da otturazione, una nuova detersione, strumentazione e in seguito una nuova otturazione.

Non ci sono garanzie che il ritrattamento abbia successo, sebbene l’utilizzo del microscopio e del LASER riducano al minimo i fallimenti. La percentuale di successo è di circa il 60%.

Infine, qualora il ritrattamento non sia indicato o non si riesca a portare a termine, è possibile intervenire in via chirurgica: o a effettuando una apicectomia oppure rimuovendo la radice infetta. In caso di denti con più radici si effettuano interventi di emisezione (molari inferiori) o rizectomia (molari superiori).

Il ritrattamento è spesso l’unica alternativa all’estrazione e il nostro staff, in caso di necessità, vi fornirà tutte le informazioni e soluzioni per permettervi una scelta libera e consapevole.

Guarda il video: Devitalizzazione Dente con Microscopio e Laser.

 

Lavoriamo ogni giorno per migliorare la vita delle persone

Se stai cercando un dentista a cui affidarti, siamo certi di poterti aiutare. Cerchiamo infatti soluzioni su misura, basate anche sulle tue esigenze di tempo e di budget.

Sappiamo quanto siano importanti le certezze!

I protocolli Microdent sono stati sviluppati in oltre 30 anni di pratica, migliaia di ore di studio e oltre 4300 pazienti trattati.

Le nostre qualità sono riconosciute

Ecco alcune testate giornalistiche che hanno parlato di noi

Microdent Dental SPA Via Giuseppe Massarenti 412/2G - 40138 Bologna

Tel. 051 6232040

Dr. Simone Stori Iscritto all'Ordine degli Odontoiatri di Bologna numero 1575 P.IVA 07217640726 Copyright © Microdent 2020

Dott. Simone Stori – Dentista Bologna – Esperto Cura della parodontite

Lunedì e Venerdi: 8.30-18.30 - Mercoledi: 8.30 - 19 - Martedì e Giovedì: 9.00 - 19.30 - Sabato (2 al mese) 9.00 - 15.30

Una storia lunga ormai 30 anni, fatta di passione per il proprio lavoro, amore per la tecnologia e con una sola missione: debellare la parodontite nei nostri pazienti con le tecniche meno invasive ed efficaci, preservando i denti il più possibile e abbattendo la paura del dentista.
© Microdent. Riproduzione Vietata anche se parziale - Powered by Mario Pompilio.

Perchè riteniamo che tutti abbiano il diritto di masticare e sorridere possibilmente con i propri denti…nella massima serenità.