itnlenfrdejarues

Sbiancamento Dentale: Recupero Estetico del sorriso

Sbiancamento Dentale: Recupero Estetico del sorriso
La naturale colorazione dei denti, a differenza di quanto si pensi comunemente, tende quasi sempre verso le cromie del giallo piuttosto che del bianco, per questo l'attesa di una dentatura candida naturale è del tutto ingannevole. Questa particolare colorazione dei denti deriva principalmente da alcuni componenti della sua stessa struttura che rimanda un'immagine differente a seconda del singolo soggetto. In alcuni casi, a peggiorare l'estetica cromatica della superficie dei denti, possono intervenire anche discromie, macchie, ingiallimenti localizzati, annerimenti da sostanze esterne.

 

Vuoi un sorriso da star? Vuoi regalarti il sorriso bianco che desideri? Stanco dei tuoi denti gialli?

Se cerchi un dentista a Bologna o a Bari per lo sbiancamento dei tuoi denti affidati a Microdent!

I nostri centri possono farti ottenere in maniera rapida, non invasiva ed estremamente soddisfacente i denti bianchi che sogni.

I nostri specialisti del sorriso sapranno consigliarti al meglio la tecnica per sbiancare i tuoi denti scegliendo tra:

  • Sbiancamento professionale in studio, anche laser assisito (1 ora e mezza);
  • Sbiancamento professionale domiciliare con mascherine;
  • Combinazione dei due trattamenti, per il miglior risultato!

10 vantaggi del nostro sbiancamento dentale:

  • Non rovina i denti..questo è un falso mito!;
  • Personalizzato in base alle vostre esigenze e richieste;
  • Eseguito da dentisti o igienisti dentali qualificati;
  • Rimozione preliminare di tutte le macchie esterne ai denti;
  • Sbiancanti con perossido di idrogeno ad alta concentrazione per ottimi risultati;
  • Prodotti sicuri e certificati con pH neutro;
  • Richiede una sola seduta in caso dello sbiancamento in studio;
  • Utilizzo del laser per accelerare e migliorare i risultati;
  • Le gengive vengono protette;
  • Prevenzione e facile gestione dell’eventuale sensibilità post-operatoria.

Ma attenzione! Lo sbiancamento non agisce su otturazioni e capsule in ceramica!

Inoltre non può essere eseguito con denti cariati o con le gengive irritate o sanguinanti!

Pronto per avere denti bianchi e splendenti? Contattaci subito!

10 consigli per denti più bianchi e sani:

  • Esegui almeno 1 volta all’anno una seduta di igiene professionale per rimuovere tartaro e macchie;
  • Lavati i denti con dentifrici sbiancanti almeno 2 volte al giorno ma con la tecnica corretta per non rovinare lo smalto dentale;
  • Una volta ogni tanto pulisci i denti con acqua e bicarbonato;
  • Affidati al tuo dentista per uno sbiancamento professionale: saprà consigliarti al meglio!
  • In caso di sbiancamento con mascherine, ripeti un ciclo di 2 settimane una volta all’anno;
  • Evita i prodotti acquistati da internet che possono dare sensibilità e risultati non uniformi;
  • Mangia una chewing-gum con xilitolo se non puoi lavarti i denti dopo i pasti;
  • Evita cibi e bevande molto colorate ed acide (caffè, vino rosso, the..);
  • Se sei donna utilizza rossetti rossi o blu per accentuare il bianco dei denti;
  • Sorridi di più… non vergognarti mai!

Guarda il video: Sbiancamento Professionale dei Denti (Teeth Whitening)

Approfondimenti sullo Sbiancamento

L'avanzare dell'età, l'assunzione di bevande pigmentate e l'abitudine al fumo sono le cause principali della progressiva decolorazione degli elementi dentali. Lo sbiancamento dentale è un procedimento non invasivo e indolore che ha lo scopo di far ritornare il colorito dei denti al bianco naturale. Non ha particolari controindicazioni, se non ad esempio la presenza di infiammazione e sanguinamento gengivale, che vanno trattati prima dello sbiancamento. Va eseguita prima una corretta seduta di ablazione del tartaro e di lucidatura dei denti per la rimozione delle macchie estrinseche (macchie esterne) per preparare i denti al processo dello sbiancamento. Se è presente sanguinamento è consigliabile rinviare la seduta di 1 settimana. Esistono due metodi principali di sbiancamento:

Sbiancamento professionale o Power Bleaching:

Si esegue direttamente nello studio dentistico e sfrutta l'azione di agenti chimici sbiancanti ad alta concentrazione posizionati a diretto contatto con i denti ed attivati da particolari lampade LED o dalla luce Laser.

Sbiancamento domiciliare o Home Bleaching:

L'odontoiatra realizza delle mascherine in silicone morbido che riproducono la forma delle arcate dentarie del paziente. All'interno di queste mascherine il paziente inserisce un gel sbiancante e le mantiene in sede secondo un tempo variabile (su indicazione del dentista). Con questa tecnica il paziente può nel tempo anche effettuare di nuovo lo sbiancamento, sempre però sotto controllo del dentista di fiducia.

E' possibile combinare le due procedure, eseguendo un primo sbiancamento professionale in studio e applicando successivamente delle mascherine individuali per potenziare gli effetti del trattamento e prolungarne la durata.

Gli effetti collaterali della procedura consistono solamente in un lieve aumento della sensibilità dentale che regredisce nell'arco di pochi giorni. Microdent presta particolare attenzione a questo effetto collaterale, che viene prevenuto il più possibile con una protezione dei colletti dentali esposti nonchè con l'applicazione immediata di un desensibilizzante.

Inoltre è ormai dimostrato che, se eseguito sotto il controllo del dentista, lo sbiancamento non provoca alcuna perdita di sostanza degli elementi dentari. Il risultato è eccellente e dura nel tempo, se si adottano alcuni accorgimenti. E’ poi possibile ripeterlo a piacimento qualora lo si ritenga necessario senza alcuna controindicazione

Grazie ai trattamenti sbiancanti professionali è però possibile ottenere un miglioramento immediatamente visibile, conservativo e con un rapporto costo/beneficio molto vantaggioso.
Cause dell'ingiallimento dentale. Partendo dal presupposto che i denti, naturalmente, non sono bianchi ma per lo più avorio/giallo, con variazioni cromatiche anche più importanti, bisogna sempre considerare che l'estetica della superficie dentale può peggiorare per fattori esterni e/o per fattori interni. Il consumo abituale di bevande o alimenti in grado di pigmentare lo strato più superficiale dello smalto, come cioccolato, caffè, tè, associato ad abitudini poco salutari, come il fumo di sigaretta e ad una scarsa igiene orale, può contribuire ad innescare una serie di processi che vanno a peggiorare la cromia di partenza del dente, annerendola o macchiandola. Queste cause fanno parte dei fattori esterni che possono influenzare il colore dentale. Allo stesso tempo, però, anche l'assorbimento di sostanze pigmentanti nello strato più profondo dello smalto si trasforma in macchie irreversibili, che appartengono al gruppo di cause interne; quest'ultime possono essere scatenate dall'assunzione di tetracicline e fluoro, da emorragie, calcificazioni o necrosi intrapulpari, da difetti congeniti, etc.
 
Aspettative dello sbiancamento dentale
Quando ci si avvicina all'idea di effettuare uno sbiancamento dentale è sempre importante consultare un professionista che sarà in grado di spiegare dettagliatamente cosa aspettarsi in base alla situazione iniziale. Errato è infatti aspettarsi che, dei denti particolarmente scuri/gialli con pigmentazioni profonde irreversibili, possano con uno sbiancamento professionale diventare definitivamente candidi. Prima di proseguire con la procedura, infatti, l'odontoiatra deve necessariamente effettuare un'attenta analisi della situazione cromatica dei denti, individuando le colorazioni scatenate da fattori interni, da quelle provocate da fattori esterni. Questa valutazione preventiva diventa indispensabile per far capire all'odontoiatra quale metodo utilizzare, per quanto tempo eseguirlo, se farlo fare al paziente domiciliarmente o se effettuarlo in studio, in una o diverse sedute. Gli esami che precedono uno sbiancamento professionale sono rappresentati da: esame clinico endorale con radiografie associate, raccolta di anamnesi circa la sensibilità dentinale, potenziali allergie ad alcuni materiali (lattice, sostanze sbiancanti, silicone), presenza di disfunzioni temporo-mandibolari o di ricostruzioni. Le sostanze sbiancanti principali possono essere a base di perossido di carbammide, più utile nelle applicazioni notturne o perossido di idrogeno, più utile nelle applicazioni di breve durata ma effettuate a lungo termine.
Solitamente i risultati ottenuti sono abbastanza evidenti sulle macchie marroni o sui denti scuri per pigmentazioni superficiali, le macchie da tetracicline e fluoro possono richiedere diversi mesi per attenuarsi e scomparire, mentre quelle da nicotina si attenuano in una tempistica mensile ma comunque inferiore alla precedente. La macchie bianche rimangono identiche ma sono meno visibili per uno sbiancamento della superficie dentale circostante.
 
Sbiancamento di denti vivi o devitalizzati
Lo sbiancamento dentale effettuato su denti vitali sortisce un effetto differente rispetto a quello ottenuto su denti devitalizzati, perché la struttura reagisce in maniera diversa all'agente sbiancante, proprio a seguito della presenza o assenza di polpa dentale. Lo sbiancamento sui denti vitali, infatti, deve essere eseguito tramite sostanze in grado di penetrare anche nei tessuti duri del dente, senza però intaccare la sensibilità di polpa e dentina. I denti devitalizzati possono tendere spontaneamente a cambiare colore dopo il trattamento endodontico per emorragia intrapulpare post-trattamento, per potenziale permanenza di tessuto necrotico o per riempimento canalare con sali d'argento o eugenolo. In questi casi spesso viene richiesto lo sbiancamento del solo dente devitalizzato, per portarlo ad una cromia affine ai denti adiacenti.
 
Trattamenti professionali e domiciliari
I trattamenti sbiancanti alla poltrona sono solitamente quelli più frequentemente eseguiti, per rapidità di azione e sicurezza della procedura: in una singola seduta, dopo aver protetto le mucose e i tessuti molli, l'azione del gel sbiancante viene amplificata dall'esposizione alla luce a led, alogena o laser, oppure dal metodo termocatalitico. In certe situazioni i trattamenti sbiancanti alla poltrona vengono associati a quelli domiciliari, eseguiti mediante l'applicazione di mascherine riempite di gel sbiancante, solitamente indossate durante la notte per 1-2 settimane.
 
Potenziali rischi e conseguenze dello sbiancamento
E' importante che il paziente sia consapevole che lo sbiancamento può arrecare un peggioramento della sensibilità dentinale, anche transitorio, irritazione delle gengive circostanti, riduzione della durezza dello smalto, alterazioni del gusto (assolutamente temporaneo) e differenza cromatica sull'interfaccia composito/smalto dei denti ricostruiti.

Oltre 2000 pazienti si affidano a Microdent, esponici il tuo caso e noi faremo di tutto per offrirti la soluzione migliore.